Torna indietro

Vendita a domicilio: aumentano fatturato e numero di addetti

31 maggio 2006

L’andamento economico della vendita diretta a domicilio cresce e va in netta controtendenza rispetto al Mercato Italia. Se, da un lato, il Pil del 2005 ha fatto registrare un tasso di crescita dello 0,1%, i risultati ottenuti dalle aziende associate Avedisco (Associazione vendite dirette servizio consumatori) è decisamente più roseo: il fatturato dell’anno scorso ha segnato un incremento dell’1,3% rispetto al 2004, raggiungendo la cifra di 1 miliardo e 250 milioni di euro (+16,5 milioni di euro).
Di più: è in aumento anche la forza lavoro. Gli incaricati delle aziende della vendita diretta, al 2004, erano poco più di 176mila: nel 2005 sono aumentati del 12,63%, assestandosi attorno alle 198mila unità (oltre 22mila addetti in più rispetto all’anno precedente).
Nel dettaglio, la parte del leone nel 2005 è stata ricoperta dai prodotti di cosmesi e accessori moda (+3,99%), seguiti dai beni alimentari e nutrizionali (+3,52%). Buoni risultati anche nel campo della casa (+2,32%). «Sono dati che sottolineano il grande ruolo che in Italia giocano le aziende della vendita diretta - spiega Enrico Festa, presidente di Avedisco -. Tenuto conto dell’andamento economico del Paese, in cui la stagnazione dei consumi è perdurata in maniera forte e marcata, infatti, aver registrato un incremento rispetto all’anno precedente è un segnale dell’ottima accoglienza da parte dei consumatori dei prodotti di qualità commercializzati dalle nostre aziende associate e, inoltre, è indice di professionalità degli addetti alla vendita a domicilio».
Un settore, quello degli “incaricati alle vendite”, che si conferma florido e vivace, con un crescita, rispetto al 2004 di oltre 22mila incaricati (+12,63%). Attualmente, quindi, in Italia sono oltre 198mila le persone che, quotidianamente, portano nelle case dei consumatori i prodotti delle aziende della vendita diretta.
Grazie alla legge sulla disciplina della vendita diretta del 2005, promossa da Avedisco in collaborazione con le associazioni dei consumatori, sono stati creati i presupposti per incentivare una nuova forma di lavoro con le dovute tutele fiscali e previdenziali. «La legge sulla disciplina della vendita diretta e della tutela dei consumatori – precisa il presidente di Avedisco, Enrico Festa – ha portato benefici sia sotto il punto di vista della professionalità e delle credibilità sia dell’occupazione. Aver fissato delle regole fiscali e previdenziali certe e sicure ha giovato al dinamismo di un lavoro cui si guarda con un’attenzione sempre maggiore».
Ulteriormente cresciuta è la forza vendita femminile che ha registrato in un anno un importante aumento (+13,10%) assestandosi al 77,42% del totale degli incaricati.

Cliccando su “Accetta tutti i cookie”, viene accettata la memorizzazione, sul dispositivo, dei cookie che servono a migliorare la navigazione del sito e ad analizzarne l'utilizzo. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento, accedendo alle impostazioni.

Chiudendo questo banner si accettano unicamente i cookies tecnici necessari all’utilizzo del sito

Maggiori informazioni